10.000 morti l’anno in ITALIA a causa di batteri resistenti agli antibiotici.

IN SINTESI:

Da un’inchiesta giornalistica realizzata dal programma televisivo della RAI, Presadiretta, emerge che ogni anno in Italia ci sono 10.000 morti  a causa di batteri resistenti agli antibiotici.

“Luca sono tanti? Sono pochi?”
Sono 7 Torri gemelle del World Trade Center che crollano ogni anno in ITALIA. Più di 3 attentati all’anno come quello dell’11 settembre.
“OK, Ma gli altri stati come stanno? Sai com’è mal comune mezzo gaudio.”
Su 33.000 Morti in EUROPA 10.000 sono italiani.

“Ma cosa vuol dire? Quanti sono gli Europei?”
741.400.000 (leggi milioni) di persone in Europa
..60.590.000 (leggi milioni) di persone in Italia.

“Ma Luca cosa vuol dire non farmi fare calcoli, di domenica poi uffa”
OK te la faccio semplice, apri le mani davanti con il dorso verso di te, se hai 10 dita, il primo mignolo sono italiani, gli altri sono europei.

“Fiuuuu bene allora no?”
NO! Perché se i batteri resistenti fossero equamente distribuiti sulle mani su 33.000 morti all’anno in Europa noi dovremmo averne meno di 3.000 ed invece la probabilità di MORIRE, rileggi bene MORIRE in Italia a causa di batteri resistenti è 3 volte superiore [#@§biiiiiip!!!!] Quindi riguarda il mignolo e ingrandiscilo di 3 volte. Ti è un po’ più chiaro ora, e la tua mano con un mignolo così enorme ti sembra deformata e malata o no?

“E ma Luca è chiaro la mala sanità, non ci sono i soldi, abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità …”
Ok dopo tutto quello che ho postato sul fatto che da 20 anni spendiamo come Stato meno di quello che diamo in tasse, e che i soldi non ci sono a causa degli interessi bancari che come Stato paghiamo alla fine a banche private e che sono matematicamente impagabili (ti ricordo che su 2000miliardi di debito abbiamo pagato 3300miliardi di interessi senza pagare un centesimo di debito) e li paghiamo perché ci hanno rubato la sovranità bancaria e la possibilità di creare moneta senza debito, e per questo motivo non abbiamo i soldi per gestire come si deve la sanità, la cultura, la scuola, e per questo motivo stiamo creando una generazione abituati a tutto questo, furto colossale che ci impoverisce tutti, prova a rispondermi così e mi incaxxxxx ancora di più.

“Buuuu Luca ma quando sei arrabbiato.”
Si non so a te ma a me le morti evitabili mi fanno incazzare.

Perché questo video inchiesta ci mostra come a causa di un sistema malato di prescrizione dei farmaci (il 70% degli antibiotici consumati in Italia viene somministrato indiscriminatamente agli animali di allevamento creando super resistenze), a causa di un sistema malato di allevamento degli animali, abbiamo creato batteri resistenti contro i quali non esistono farmaci salvavita. RIPETO nel caso ti sia sfuggito: NON ESISTONO FARMACI SALVAVITA. E a causa della mancanza della sovranità monetaria non abbiamo i soldi per affrontare il problema di petto come Stato. Ci resta però il potere di fare le leggi e di mandare a fanculo quelli che hanno deciso che dobbiamo essere un paese nel quale il rischio di MORTE per batteri resistenti è 3 volte superiore che in tutta europa ed è più di 12 volte superiore rispetto alla Norvegia. E non venitemi a parlare di MAFIA, i morti ammazzati per mafia stimati negli ultimi 60 anni ad oggi sono approssimativamente 5000. I MORTI ALL’ANNO per Batteri Resistenti in Italia sono 10.000. A questo punto bisogna avere terrore di maneggiare la carne cruda, e di girare per ospedali. Altro che avere terrore di girare in certi quartieri malfamati, a confronto sono SANISSIMI! Che brutta cosa quando capisci i numeri, vero? Però magari la prossima volta votiamo chi ci promette realmente di restituirci il primo potere dello Stato, cioè quello di pagare le attività che vengono emanate per legge. Comprese quelle di riformare gli ospedali, gli allevamenti, il sistema sanitario nazionale, la scuola, la ricerca in Italia, e chi deve fare i controlli, e tutto il resto perché senza soldi, come a casa, quando non ci sono non si fa un caxxx e si muore di più e più facilmente.

Avatar

Author: La Pillola Rossa

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *